Sci nordico
martedì 13 febbraio 2018
Nel giorno dell'argento di Pellegrino, Scardoni è 24.ma

Federico Pellegrino ha conquistato la medaglia d'argento nella sprint a tecnica classica grazie a una gara favolosa. Il campione di Nus ha gareggiato usando la testa per tutta la giornata, gestendosi alla perfezione sin dalle batterie di qualificazione. Al via della finale olimpica si sono presentati sei atleti: Johannes Klaebo, Federico Pellegrino, Alexander Bolshunov, Paal Golberg, Oskar Svensson e Ristomatti Hakola: il russo è partito fortissimo resistendo al fenomeno norvegese fino all'ultima salita, poi ha acceso il motore il nostro azzurro che ha cambiato marcia battendo in volata per 22 centimetri proprio Bolshunov. Per Pellegrino si tratta del risultato migliore che ci si potesse aspettare, sia perché ha sempre dimostrato di preferire la sprint a tecnica libera sia perchè Klaebo è parso ancora una volta imbattibile.

Federico Pellegrino ha conquistato la qualificazione alla fase finale con il nono tempo, ancora meglio l'altro azzurro Maicol Rastelli che ha passato il turno piazzandosi quarto. Nei quarti di finale invece, il valdostano ha vinto la propria batteria davanti al norvegese Golberg, mentre Rastelli è stato eliminato nella seria con Johannes Klaebo. Proprio il norvegese ha poi vinto la semifinale dove il nostro Pellegrino ha terminato secondo e strappato quindi il pass per la finale.

Per l'Italia si tratta della terza medaglia alle Olimpiadi di PyeongChang 2018, la seconda di un atleta Fisi, dopo il bronzo di Dominik Windisch nel biathlon. Il fondista originario della Val d'Aosta ha così aggiornato con un argento olimpico il proprio palmares che, tra gli altri premi, può vantare 3 medaglie ai Mondiali, di cui un oro nella sprint individuale a tecnica libera.

Tra le donne invece, si sono qualificate alla fase finale sia Lucia Scardoni (nell'immagine Pentaphoto) che Gaia Vuerich, ma sono state entrambe eliminate nei quarti con il quinto tempo della propria batteria. La medaglia d'oro se la è aggiudicata la svedese Stina Nilsson, quella d'argento la norvegese Maiken Caspersen Falla e quella di bronzo la russa Yulia Belorukova.
"Non sono tanto soddisfatta della mia prestazione, speravo qualcosa di meglio perché l'ho preparata per tutta la stagione" commenta Scardoni. "La pista è tosta, in più le condizioni non sono buone, anche se non fa freddo come gli scorsi giorni. La mia Olimpiade è ancora lunga".

Ordine di arrivo sprint TC maschile PyeongChang 2018 (Kor):

1. KLAEBO Johannes Hoesflot 1996 NOR
2. PELLEGRINO Federico 1990 ITA
3. BOLSHUNOV Alexander 1996 RUS
4. GOLBERG Paal 1990 NOR
5. SVENSSON Oskar 1995 SWE
6. HAKOLA Ristomatti 1991 FIN
7. VALJAS Len 1988 CAN
8. IVERSEN Emil 1991 NOR
9. PETERSON Teodor 1988 SWE
10.JYLHAE Martti 1987 FIN

26. 4 3290383 RASTELLI Maicol 1991 ITA
41. 41 3290357 BERTOLINA Mirco 1991 ITA
42. 42 3290446 ZELGER Stefan 1995 ITA

Ordine di arrivo sprint femminile PyeongChang 2018 (Kor):

1. NILSSON Stina 1993 SWE
2. FALLA Maiken Caspersen 1990 NOR
3. BELORUKOVA Yulia 1995 RUS
4. NEPRYAEVA Natalia 1995 RUS
5. FALK Hanna 1989 SWE
6. DIGGINS Jessica 1991 USA
7. LAMPIC Anamarija 1995 SLO
8. CALDWELL Sophie 1990 USA
9. PARMAKOSKI Krista 1990 FIN
10. VAN DER GRAAFF Laurien 1987 SUI

21. 18 3295167 VUERICH Gaia 1991 ITA
24. 28 3295157 SCARDONI Lucia 1991 ITA
32. 32 3295193 LAURENT Greta 1992 ITA

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,48 sec.

Inserire almeno 4 caratteri